tramonto

I Quaderni di Gramsci ed Echi in Guttuso

mostra milano

Presentati a Torino durante il XXIX Salone Internazionale del Libro, i Quaderni del Carcere sono esposti dal 24 maggio
al 17 luglio 2016 negli spazi della sede storica della Banca Commerciale Italiana in Piazza della Scala a Milano, nello splendido edificio progettato agli inizi del 900 da Luca Beltrami. La presenza di due grandi dipinti di Renato Guttuso: La Battaglia di Ponte dell'Ammiraglio del 1955 e i Funerali di Togliatti del 1972 stanno a testimoniare  come creazione artistica e passione politica possano e anzi debbano coincidere. La scelta di questa sede non è causuale. A Raffaele Mattioli, definito con l'epiteto di banchiere umanista, si deve il merito di essere riuscito a salvaguardare il pensiero gramsciano, raccontato nei quaderni, scritti da Gramsci durante i suoi lunghi anni di prigionia, a quali seguì la sua dipartita.     

GALLERY DELLA MOSTRA

Leggi rassegna stampa

GRAMSCI ANTONIO
I QUADERNI DEL CARCERE

quaderni

Deputato e segretario del Partito Comunista Italiano, Antonio Gramsci è arrestato dalla polizia fascista con l’accusa di sovvertire violentemente gli ordini dello stato l’8 novembre 1926.  
Condannato a venti anni di reclusione dal tribunale speciale per la Difesa dello Stato, Gramsci avanza la richiesta di poter avviare uno studio sistematico su argomento di carattere filosofico e letterario, permesso che verrà concesso solo nel gennaio del 1929.
L'8 febbraio 1929, Antonio Gramsci inizia a stilare un primo elenco di sedici temi. Alcuni di questi saranno utilizzati come sintetici titoli di rubrica, poi ripresi nei quaderni successivi. Tra i più importanti si ricordano: Americanismo, Lorianismo, I nipotini di padre Bresciani. Accanto alle schede bibliografiche e alle note brevi, spiccano due grandi paragrafi sul Risorgimento e il tema degli intellettuali che sviluppano molti spunti, ripresi dall'ultima pubblicazione sulla questione meriodiale, stilata prima dell'arresto.  Fino al 1932, Gramsci riesce a comporre 10 quaderni, di cui tre sono dedicati agli esercizi di traduzione per lo studio delle lingue (tedesco, russo e inglese), definito dallo stesso autore come "mezzo terapeutico contro l'inaridimento dovuto al carcere".
Ai suoi studi e ricerche, Gramsci accenna frequentemente nelle lettere inviate alla cognata Tatiana Schucht, all'amico Pietro Sraffa e alla moglie Giulia, trasferitasi a Mosca con i due figli Delio e Giuliano. Questo primo periodo, si conclude con la grave crisi di salute che colpisce Gramsci. La seconda fase dei suoi studi è caratterizzata dall'approfondimento delle tematiche stilate nei primi quaderni e dall'abbandono degli esercizi di traduzione. Dopo aver annotato e schedato libri e riviste a lui concesse, inizia a riordinare le note in nuovi quaderni definiti da lui stesso "speciali"perchè dedicati ad un unico argomento. Tra questi: la filosofia di Benedetto Croce, il Risorgimento Italiano, Noterelle sulla politica di Machiavelli, cancellando le precedenti stesure con lunghi tratti di penna.
Nel marzo 1933, un'ulteriore crisi colpisce  lo scrittore sardo  con stati di allucinazione, di ossessione e di tormenti psicologici. Proprio questa crisi sarà determinante per il passaggio alla terza fase: essa si apre alla  con il trasferimento di Gramsci nella clinica di Formia, dove Gramsci si accinge  alla stesura di quaderni di carattere monografico, quasi tutti rimasti incompleti. Ottenuta la semilibertà, è ricoverato nuovamente nella clinica Quisisana, assistito dalla cognata. Nel 1937, riaquisita la libertà, Gramsci si spegne il 27 aprile a soli 46 anni.
Grazie all'intevento della cognata Tatiana, a cui dobbiamo il lavoro di catalogazione e numerazione dei quaderni, e Raffaele Mattioli, secondo la testimonianza di Nilde Iotti, gli scritti di Gramsci sono arrivati fino a giorni nostri.
Dopo essere stati inviati in Russia, i quaderni tornano in Italia nel 1945 e sono pubblicati per la prima volta dal 1948 al 1951 dalla casa editrice Enaudi.
Le riflessioni gramsciane sono state tradotte in oltre 20 mila titoli in 41 lingue registrate dalla Bibliografia Gramsciana.
Nel 2011, in occasione della mostra "Avanti Popolo: il PCI nella storia d'Italia" i Quaderni del Carcere, custoditi in teche apposite, sono stati per la prima volta digitalizzati e presentati al grande pubblico in tutta la loro originalità e bellezza.


Continua a leggere:
La battaglia di Ponte dell'Ammiraglio

GUARDA LA GALLERY


  • angela
  • 746849978701806 1590037251 n
  • 1535239460051810 5232220572727855220 n
  • 1535235993385490 7556861918728808478 n
  • 1535235950052161 6709837324490876546 n
  • 746849958701808 533727667 n
  • 1535239356718487 3735909281725790507 n
  • 1535237590051997 3544480627262662999 n
  • 1535235726718850 3777051845694875468 n
  • 1535237123385377 3532975784694597671 n
  • 1535236060052150 3957597516740871542 n
  • 1535235823385507 8704367113978233087 n
  • 1535237026718720 351494230664719633 n
  • 1535237096718713 7677614725765737299 n
  • 1535239183385171 7308619881092504856 n
  • 1535236020052154 1287833095470491377 n
  • 1535236303385459 8107399557511581102 n
  • 1535235783385511 1515461732543997477 n
  • 1535238970051859 302451314456175162 n
  • 1535237936718629 319752074826126960 n
  • 1535238050051951 8104364462093135504 n
  • 1535236090052147 1816384588180312439 n
  • 1535236330052123 4947199258828549354 n
  • 1535235926718830 8861721791556098373 n
  • 1535239393385150 3722527117770983677 n
  • 1535239646718458 619011862765805004 n
  • 1535235983385491 6728368283963749147 n
  • 1535239570051799 2313916695945491532 n
  • 1535236143385475 7927979376436759731 n
  • 1535236976718725 5704234276086512799 n
  • 1535236680052088 6161390505761329465 n
  • 1535237660051990 4516252035954148134 n
  • 1535237253385364 5853501473225936286 n
  • 1535237806718642 8067670992710573878 n
  • 1535238010051955 586219097442478243 n
  • 1535238896718533 2306053199270641441 n
  • 1535239483385141 4906970876828816661 n
  • 1535239200051836 1415467916239750191 n
  • 1535239726718450 3295681329666108907 n
  • 1535236863385403 2360615783448637533 n
  • 1535236556718767 8488230501607305592 n
  • 1535238503385239 1838172915475676025 n
  • 1535236113385478 8176773337525487754 n
  • 1535237186718704 8924003336101327768 n
  • 1535238283385261 5070028535052481879 n
  • 1532502066992216 4210319782887928793 n
  • 1535237440052012 2263034109587334182 n
  • 1535237613385328 3375658926228803871 n